Return to site

#QuickTrips: una giornata a #Como

· Italia,Como,Quick Trips

Oggi vi porto a zonzo per Como, la mia città di adozione.

Un gioiello elegante, circondato dalla corona delle Prealpi ed il Lario (comunemente chiamato Lago di Como).

Le cose da vedere a Como e dintorni sono veramente tante, mi limito quindi a proporre una passeggiata a piedi che toccherà il lago ed il centro storico.

Premessa: parcheggiare è un'impresa

L'organizzazione stradale di Como è obbligata dalla conformazione orografica (pendii, colline, il lago, ecc): in pratica moltissime strade a como sono sensi unici o letteralmente degli imbuti, che rendono molto complicato la definizione degli itinerari e quasi impossibile parcheggiare.

Como è una di quelle città dove l'automobile è meglio non averla, se non hai un garage.

Per chi viene da fuori, suggerisco due possibili parcheggi:

  • l'autosilo Valduce
  • , in viale Lecco, che permette una facile accesso al centro storico, essendo a poche centinaia di metri dal Duomo
  • il parcheggio di Villa Olmo

: un piccolo parcheggio affacciato sul lago, accanto alla bellissima Villa Olmo. Arrivando ad orari non di punta è abbastanza agevole trovare parcheggio.

Proprio da qui inizia il nostro itinerario: partendo da Villa Olmo, percorreremo il lungolago Lino Gelpi, per arrivare quindi in centro storico.

Iniziamo!

Questo è il nostro itinerario (cliccando il link, avrete l'itinerario già programmato sul vostro smartphone)

Villa Olmo

Villa Olmo è una bellissima villa neoclassica di Como, costruita tra il 1782 e il 1797 ad opera dell'architetto Simone Cantoni

L'imponente struttura, voluta dalla famiglia dei marchesi Odescalchi di Fino Mornasco, si presenta oggi come la più rilevante tra le famose ville del comasco.

Molto belli i giardini antistanti la villa! (a proposito... l'olmo che ha dato il nome alla villa non esiste più da tanto tempo, era già cenetario durante la sua costruzione).

Una pausa sul prato all'ombra degli alberi ci sta proprio.

Passeggiata sul lungolago

Da Villa Olmo inizia una bella passeggiata pedonale, ideale per famiglie e bambini.

La passeggiata si affaccia direttamente sul lago, e se si è fortunati si può vedere il decollo degli idrovolanti dall' Aero Club, che ha sede proprio sulla riva sud del lago.

Monumento ai caduti e Tempio Voltiano

Proseguendo la passeggiata, superando lo stadio Senigaglia, si arriva ad un paio di monumenti molto interessanti e scenici, avendo il lago come sfondo: il monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale, ed il tempio Voltiano.

Quest'ultima è una particolare costruzione neo-classica, un tempio o rotonda inaugurato il 1927, dedicato al primo centenario della morte di Alessandro Volta.

The Life electric

Dal Tempio Voltiano, si arriva ora alla installazione del "Life Electric", una scultura progettata dall'architetto Daniel Libeskind ed intallata nel 2015 al termine della passerella della diga foranea.

Si tratta di una scultura moderna molto bella, realizzata in acciaio cromato, che riflette i colori del cielo e del lago.

La scultura è dedicata ad Alessandro Volta e rappresenta due onde sinusoidali contrapposte.

Il Duomo ed il Broletto

Tornando sulla terraferma, svoltano a sinistra si giunge alla piazza Cavour e da qui al Duomo ed alla Piazza del Broletto.

La chiesa cattedrale di Como, intitolata a Maria Assunta, è davvero molto bella, in stile tardo gotico, ed affiancata al Broletto medioevale e dalla Torre Civica, che erano preesistenti (il livello originale del terreno è quello sotto il portico del Broletto).

Il Duomo venne costruito dai famosi "mastri comacini", un gruppo di artigiani, architetti, costruttori e decoratori riuniti in una corporazione di imprese edili itineranti provenienti dalla zona di Como e del Ticino, che offrirono i loro servigi ovunque in Centro-Nord Italia durante il Medio Evo.

La cupola, di stile rococò, è alta 75 metri, ed è ben visibile dal prospetto laterale di Via Pretorio.

All'interno del Duomo sono conservati bellissimi arazzi delle Fiandre e fiorentini.

Durante il periodo natalizio, piazza del Duomo è illuminata da bellissimi giochi luminosi.

La Basilica di San Fedele

Da Piazza Duomo si giunge alla Basilica di San Fedele, antica chiesa romanica del XII secolo, inserita in una piazzetta medievale, dove alcuni edifici sono sostenuti da porticati di legno.

Molto bello il "portale del drago" sull'abside (che si affaccia sul retro della chiesa, su via Vittorio Emanuele II), dove è raffigurato un grifone...

Porta Torre

E concludiamo la passeggiata proseguendo per Porta Torre.

Si tratta di una torre medioevale alta 40 metri nelle mura di cinta medievali, ed era la di accesso alla città nelle mura di cinta.

Solo sul lato interna presenta quattro livelli di archi, corrispondenti ai piani interni andati distrutti.

Dalla Porta Torre si accede all'esterno delle mura difensive della città, su Piazza Vittoria, ampio slargo che permette di osservare le mura nel loro insieme.

 Due curiosità...

Tra le tantissime curiosità che si possono scoprire visitando Como, ne elenco soltanto un paio, magari saranno oggetto di futuri post:

Como romana...

Avresti mai detto che al piano terra di un autosilo ci possano essere i resti delle antiche terme romane? Vedere per credere

Il faro di Brunate

Il paese di Brunate sovrasta Como come un balcone su un giardino!

Si arriva a Brunate con una funicolare, e si può visitare il bellissimo faro voltiano... Davvero molto bello, forse ci dedicherò un post!

Como è una delle città più belle ed eleganti d'Italia, merita davvero di essere visitata

(C) 2021 testo, foto e video by Massimo Caliari

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OK