Return to site

I castelli di #Bellinzona:

un tuffo nel Medio Evo

Ieri chiusa delle Alpi, oggi patrimonio dell'Umanità

· Europa,Svizzera,Bellinzona

Un pizzico di Storia

Bellinzona è una bellissima cittadina medioevale, capitale del Canton Ticino (Svizzera).

Fin dall'antichità fu un crocevia tra il modo germanico e la penisola italiana: sono state rinvenute tracce di insediamenti umani risalenti al 5.000 a.C.

La sua posizione strategica, al centro della valle del fiume Ticino, permette il controllo dell'accesso alla Lombardia verso Sud ed ai passi alpini del San Gottardo, del San Bernardino e del Lucomagno verso Nord: per questo motivo, il territorio di Bellinzona fu nei secoli oggetto di contese.

La città di Bellinzona divenne quindi un avamposto del mondo romano verso le Alpi e i popoli germanici.

Più tardi nel Medio Evo, il Ducato di Milano edificò un sistema di tre castelli, collegati da una cinta muraria, che di fatto chiudevano la valle del Ticino a quanti volevano scendere verso la Lombardia: i castelli di Bellinzona divenne quindi "chiusa delle Alpi", come recita la grafica.

Visita al centro storico

Iniziamo la nostra visita dal Palazzo Civico, il palazzo del comune.

Questo bellissimo palazzo, costruito in "stile patrio" (uno stile che richiama la grandezza e la maestosità delle strutture medioevali e romaniche) negli anni '20 del 1900, accoglie i visitatori nel bel cortile, dove si trova anche l'Ufficio del Turismo (che organizza visite guidate, fornisce mappe del centro storico, ecc).

Visitiamo questo palazzo ed in particolare la Sala del Consiglio, con gli stemmi delle famiglie patrizie della città.

Da qui, cartina alla mano, attraversiamo il centro storico (dove si sta svolgendo il tradizionale mercato del sabato, che richiama visitatori da tutto il Canton Ticino) ed andiamo verso il primo castello, Castelgrande.

Il primo castello: Castelgrande

Si può raggiungere Castelgrande, che sorge al centro di Bellinzona, in due modi: risalendo le stradine del centro storico, o in alternativa utilizzando un bellissimo ascensore scavato nella roccia del monte.

Una volta giunti al castello, una magnifica piazza d'armi si apre davanti a noi, circondata dalle merlature e dalle torri principali (la Torre Nera e la Torre Bianca).

Il castello è dotato di una bellissima murata, che lo collega fino quasi al corso del fiume Ticino, costituendo una barriera formidabile per quanti volevano attraversare la valle.

La murata procede anche sull'altro lato, verso il monte, collegando Castel

Il secondo castello: Montebello

Scendendo dal Castelgrande si torna nella piazza principale del paese, dove si trova la Chiesa parrocchiale, e da lì si imbocca la salita per il castello di Montebello.

Il primo nucleo del Castello di Montebello risale al 1300, e venne ampliato in più fasi.

Era collegato a Castelgrande attraverso la cinta muraria, quindi questo complesso fortificato costituiva di fatto una cinta insuperabile!

Imboccando la "Salita al Castello di Montebello" ci si inerpica in vicoli ciottolati, con una pendenza importante, fino a raggiungere la sommità della collina sul lato orientale della valle, su cui sorge Montebello.

La vista che si gode è magnifica: il centro di Bellinzona, Castelgrande sull'altro lato della valle, la cinta muraria.

Molto bello il camminamento di ronda sulla sommità delle mura, protetto da griglie e parapetti, che permette di osservare la valle dai merli ghibellini.

Il terzo castello: Sasso Corbaro

Dal castello di Montebello è ben visibile il terzo castello di Bellinzona, Sasso Corbaro, separato dagli altri due e che domina la valle dalla posizione più alta sulla collina.

Da questa foto si può vedere come i tre castelli siano allineati e costituiscano una barriera che chiude la valle del Ticino.

Patrimonio dell'Umanità

“L'insieme fortificato di Bellinzona è un esempio straordinario di una struttura difensiva tardo-medievale posta in un punto strategico chiave del passaggio alpino. I castelli di Bellinzona si annoverano fra le più mirabili testimonianze dell'architettura fortificata medievale dell'arco alpino.”

Con questa menzione, nel 2000 il sito dei tre castelli di Bellinzona e della cinta muraria sono stati inseriti tra i patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.

Questo eccezionale riconoscimento è la testimonianza di un sito di una bellezza unica, conservato in modo eccellente dall'amministrazione svizzera.

Link utili

Dove:

Bellinzona

Canton Ticino

(C) 2020, testi e foto by Massimo Caliari

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OK