Return to site

In Europa nel 2017 la #sicurezza negli #aeroporti NON ESISTE

Una storia vera...

· Viaggi,Travel,Lufthansa,Sicurezza,Bruxelles

La sicurezza negli aeroporti europei è una bufala...

All'apparenza l'aeroporto di Bruxelles, colpito nel recente passato da gravi attacchi terroristici di matrice islamica, sembra un aeroporto sicuro.

Vi sono militari in assetto da guerra dappertutto: fuori dall'aeroporto, nella sala delle partenze, vicino agli imbarchi.

E' comunque impressionante la quantità di immigrati mediorientali che popolano l'aeroporto, che necessariamente richiede la presenza massiccia di forze dell'ordine, visto i recenti fatti di cronaca, l'ISIS ecc. ecc.

Militari all'aeroporto di Bruxelles (Zaventem)

Ma poi succede l'incredibile.

Il 28 settembre 2017 ho effettuato il volo Bruxelles-Francoforte, Lufthansa LH1013.

Ebbene, mi sono imbarcato sull'aereo senza che NESSUNO mi abbia controllato il documento di identità dall'arrivo in aeroporto fino a bordo dell'aereo.

Due precisazioni, importanti, che forse sono all'origine di quella che considero una falla molto grave:

1) non avevo bagaglio da imbarcare

2) inoltre avevo il boarding pass già scaricato sul cellulare, grazie al check-in effettuato con l'app di Lufthansa.

Di fatto questo mi ha permesso di non andare al banco Lufthansa, dove di solito viene chiesto il documento dall'assistente di terra (NB: che comunque non è un poliziotto o un addetto alla sicurezza).

Al controllo dei bagagli a mano una signorina ha chiesto che mostrassi il boarding pass, che ha scansionato con il lettore: beep, luce verde, vada pure. No documento.

A questo punto sono già nel cuore dell'aeroporto e mi dirigo all'uscita del mio volo.

Successivamente, all'imbarco sull'aeromobile ho semplicemente appoggiato il cellulare sullo scanner del gate: anche qui beep / luce verde / have a nice flight! No documento.

Avrei potuto essere chiunque...

Di fatto mi sono imbarcato sull'aereo senza che NESSUNO mi abbia controllato il documento di identità dall'arrivo in aeroporto fino a bordo dell'aereo​

Alcune considerazioni:
1) si tratta di una falla delle procedure aeroportuali o di Lufthansa? (Mi piacerebbe che qualcuno rispondesse...)

2) passando alla fantascienza: ma si tratta davvero di una falla del sistema, oppure ci sono forse dei fantascientifici sistemi (che noi utenti non conosciamo) di scansione e riconoscimento dei passeggeri attraverso immagini o dati biometrici, per cui in realtà non servono i documenti?

3) Personalmente preferisco controlli severi e serrati come avviene per i voli verso gli Stati Uniti o Israele: sono una scocciatura, ma forse qualche risultato lo ottengono.

In fin dei conti sono io che volo, e preferisco evitare di sentir urlate "Allah-u-Akbar!".

4) lo stesso fatto mi è capitato 3 anni, sullo stesso aeroporto. Non vi avevo dato peso.. del resto non erano ancora successi tutti gli attentati degli anni successivi.

La vicenda fa ancora più impressione considerando che questo è avvenuto a Bruxelles, con l'aeroporto praticamente blindato da militari...

Un controsenso totale.

Cerco risposte... le troverò?

Militari all'aeroporto di Bruxelles (Zaventem). Tra di loro si nota il passaggio di un tipico viaggiatore di origine mediorientale, che costituisce una larghissima fetta dei passeggeri di questo aeroporto. NB: quel personaggio, non l'ho incollato nella foto, stava passando di lì proprio in quel momento.
Sala dei controlli all'aeroporto di Bruxelles (Zaventem)
Poliziotte all'ingresso dell'aeroporto (almeno sono carine...)
Imbarco, senza nessun controllo...
Ecco il mio volo, sperando che TUTTI SIANO DAVVERO LORO STESSI

Dove:

Aeroporto di Bruxelles

Zaventem

Belgio

(C) 2017 testi, foto e video by Massimo Caliari

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OK